Quello che ho imparato da un allenatore pro Fortnite

Il successo in fuga di Fortnite ha reso la battaglia royale inevitabile quest'anno. I tuoi amici lo giocano, i tuoi bambini lo giocano, le tue celebrità preferite e gli atleti sono coinvolti anche tu. Ma per alcuni, non è sufficiente giocare – vogliono diventare bravi. E gli allenatori professionisti sono saliti per soddisfare questa richiesta. Mi sono seduto per una sessione e una chiacchierata con uno per vedere cosa avrei potuto imparare su Fortnite e il mondo della formazione sugli sport invernali.

Il fenomeno dei genitori che pagano per le lezioni di Fortnite per i loro figli ha fatto il giro di una serie di titoli sensazionalistici quest'anno. Alcuni degli angoli sono piuttosto poco lusinghieri, dalla TV diurna e anche dal giornale di Wall Street presentando la motivazione principale che proviene da genitori ansiosi preoccupati che la serie di sconfitte dei loro figli a Fortnite stava causando loro di soffrire socialmente a scuola.

Ovviamente, la copertura sensazionalistica “pensa ai bambini” raramente dipinge un'immagine accurata, così ho colto l'occasione per fare un'esperienza pratica con Fortnite che mi ha accolto. Di recente, all'Egx game expo di Berlino, mi sono seduto per una breve sessione di coaching e ho parlato con Chris AKA chriZplosion, un tutore pro Fortnite a GamerLegion, un servizio online per prenotare gli allenatori per una vasta gamma di giochi diversi, tra cui Rocket League, League of Legends e World of Tanks. Ecco cosa ho imparato.

Ho giocato a Fortnite tutto sbagliato … oops

Beh, prima di tutto, non posso escludere che Chris sia bravo nel suo lavoro, e in realtà ho imparato molto su Fortnite. Mi piace Fortnite, ma non posso affermare di essere molto bravo in questo. Per fortuna i miei giorni di scuola media sono molto lontani da me. Non mi sento a bocca aperta quando si tratta di giochi di tiro, ma questo è parte del problema. Stavo giocando a Fortnite come uno sparatutto, quando in realtà è anche un gioco di crafting. Principalmente un gioco di crafting, secondo il mio allenatore.

Quello che ho imparato da un allenatore pro Fortnite Gli spari non sono l'unica cosa in Fortnite. / © AndroidPIT (screenshot)

“Fortnite è in realtà il 70% di costruzione”, afferma Chris, quando abbiamo eseguito l'accesso alla modalità di gioco di Fortnite per esercitarsi. Dato che ho giocato a Fortnite principalmente su Android e i controlli touchscreen non sono l'ideale, avevo trascurato di essere un po 'goffo e scomodo (anche se ho visto i nemici sul cellulare estrarlo velocemente) e mi sono concentrato su come nasconderlo, scavenging e tiro.

Ma la nostra sessione di formazione era su PC e tasti di scelta rapida per la tastiera per il posizionamento dei materiali da costruzione rendono tutto più semplice e veloce. Chris si è concentrato sull'insegnarmi i fondamenti della costruzione di una semplice rampa, fino a una fortificazione a torre intera con finestre e porte. Ci sono voluti alcuni tentativi ed errori per alcune false partenze, ma alla fine della sessione stavo sputando strutture di legno come la magia, in grado di lanciarle da sotto mentre correvamo.

Quello che ho imparato da un allenatore pro Fortnite Costruire su un touchscreen è ancora più difficile. / © AndroidPIT (screenshot)

Dopo che la mia memoria muscolare si è abituata, ho trovato l'esperienza non troppo diversa dall'essere istruita in altre discipline nel corso della mia vita, dall'atletica, allo strumento musicale alle arti marziali. Chris era chiaro, paziente, incoraggiante e sempre pronto a sottolineare perché ogni passo era importante e cosa imparare dagli errori. Ha spiegato che dopo una prima sessione, prepara persino un piano di allenamento per gli studenti da seguire e praticare per la sessione successiva.

Il coach di Fortnite funziona? Ovviamente, come in ogni disciplina, la qualità degli insegnanti e la “chimica” tra loro e gli stili di apprendimento e di apprendimento varieranno. Ma di certo sono uscito dalla sessione con abilità che non avevo prima. Detto questo, mentre non penso di essere pronto a dedicarmi alle lezioni di Fortnite, ero curioso del tipo di persone che fanno … e del tipo di persone che diventano allenatori.

Ci sono abilità trasferibili

Qualcosa di cui mi sono sempre chiesto quando si tratta di esports è la vulnerabilità di dipendere da un gioco che è fatto, gestito e posseduto da una compagnia (la stessa compagnia che di solito esegue e trasmette anche i campionati di esports). A differenza di, scacchi o pallacanestro, questa compagnia può, in teoria, staccare la spina dal vostro sostentamento, chiudere i server e addio Fortnite, League of Legends ecc.

Ma proprio come le abilità mentali e fisiche in uno sport possono aiutarti con un altro, così è con gli sport. Chris spiega di essere stato un giocatore professionista per diversi anni in Blizzard MOBA Heroes of the Storm prima di saltare nella stagione di Fortnite e di aver realizzato un talento anche per questo.

Dopo tutto, Fortnite non è l'unico gioco in città. GamerLegion offre anche coaching in titoli popolari come Rocket League, PUBG, Counter-Strike Go, League of Legends, Hearthstone e altro ancora. Quando Chris scoprì di avere un talento per Fortnite, non aveva idea che sarebbe diventato il più grande fenomeno di gioco degli ultimi anni. Buono per gli affari, ma anche se succedesse qualcosa, ci sono altri titoli che hanno bisogno di buoni allenatori. “Il coaching (eSports) esiste da molto tempo: Fortnite ha una grande base di giocatori in questo momento, ma noi insegniamo agli altri”.

Sono abbastanza esperto con i videogiochi per sapere che padroneggiare un gioco insegna che una capacità di problem-solving può portare anche al di fuori del mondo degli sport digitali. Anche se non siamo necessariamente in un mondo in cui l'abilità di Fortnite può risaltare come extracurricolare in un'applicazione universitaria, non è necessariamente troppo inverosimile, dal momento che gli sport e i giochi diventano più visibili e accettati, così può venire un più ampio apprezzamento dello sforzo e dell'abilità coinvolti nell'apprendimento e nella padronanza di un gioco.

Non che mi definirò mai un “maestro” di Fortnite. L'unico motivo per punzecchiare? Sono troppo vecchio.

Sono sopra la collina

Uno dei motivi per cui non sarò mai un superstar, il giocatore di Fortnite si riduce semplicemente all'età. In molti sport professionistici, come il calcio, la metà e la fine degli anni venti è fondamentalmente l'età della pensione, e il coaching delle giovani generazioni è un'opzione per gli ex-professionisti.

Ci si aspetterebbe che questo non fosse il caso nei meno impegnativi dal punto di vista fisico nei videogiochi, ma questa tendenza regge ancora. A 28 anni, Chris si considera troppo vecchio per competere con i giocatori professionisti al giorno d'oggi. Immagina quanto fossi mortificato a 31 anni. Ninja non ha nulla da temere da un veterano come me.

Quello che ho imparato da un allenatore pro Fortnite Ninja superstar della Fortnite sulla copertina della rivista ESPN. / © ESPN

È solo perché i tuoi riflessi rallentano? Non proprio, il modo in cui Chris lo spiega, dipende dai livelli di energia del corpo. Si è dedicato più al coaching nei suoi primi anni '20 perché sapeva che aveva solo qualche anno in più di competizione in lui, e ora lo sente nelle sue ossa.

“Ogni persona è diversa, non si tratta di velocità nella mano, è più la velocità nella testa, di pensare velocemente. A 28 anni ora so che se non dormivo bene, non avevo un buon pasto, è un problema: quando avevo 14 anni potrei non dormire per due giorni e avere ancora molta energia “.

Una dolorosa verità che conosco troppo bene. Quindi la celebrità non è per me. Ma gli studenti di Chris non sono necessariamente adolescenti iper-competitivi che vanno alla gloria. “Ho studenti che hanno 44 anni e studenti di 12 o ventenni, faccio persino coaching padre-figlio, di solito i clienti a lungo termine sono un po 'più grandi, hanno i soldi, i più giovani di solito prendi 2 o 3 sessioni, molti dei più grandi vogliono solo stare al passo con i loro figli, questa è una grande cosa “.

Quindi sono troppo vecchio per diventare professionista e difficilmente riuscirò a persuadere mio padre a unirsi a una squadra con me, posso dire che sono uscito dall'allenare un po 'più saggio quando si tratta di Fortnite e di esports. Il gioco competitivo sta ottenendo più attenzione (e denaro) che mai, e come veterano delle feste LAN degli anni '90 che intravedono lo sviluppo di una nuova era, non posso fare a meno di augurare il meglio a tutti gli allenatori e tirocinanti, sia stanno andando per la gloria o semplicemente per puro divertimento.

Cosa ne pensi del coaching per i videogiochi? È qualcosa che potresti mai considerare da solo?

Perché le fotocamere Mirrorless sono migliori dei DSLR per hobbisti e viaggiatori


2018-10-17    Sandro

La saggezza è stata a lungo quella chiunque seriamente sulla fotografia ha bisogno di una fotocamera DSLR, ma non è più vero. Le ultime fotocamere mirrorless corrispondono o addirittura superano le reflex digitali quasi in ogni modo importante. Dalle taglie più piccole, alle funzioni più avanzate, alle migliori prestazioni a tutto tondo, le fotocamere mirrorless […]

I 12 migliori ambienti desktop Linux


2018-10-17    Sandro

Puoi capire se uno screenshot è Windows o Mac a un miglio di distanza, e questo perché entrambi i sistemi operativi commerciali hanno solo un ambiente desktop. Windows ha il menu Start e la barra delle applicazioni, mentre macOS ha il suo iconico Dock e la barra dei menu. Ma cerca Linux e vedrai immagini […]

10 cose da non fare con il tuo smartphone Android


2018-10-17    Sandro

Il tuo telefono Android è molte cose: uno dei tuoi beni più preziosi, una dichiarazione di chi sei e forse anche il luogo in cui tieni i tuoi segreti. Eppure, molti di noi non proteggono adeguatamente i nostri telefoni, o facciamo cose negligenti che potrebbero danneggiare seriamente i nostri dati (o la nostra reputazione). Cosa […]

Installa Kodi per trasformare il tuo Raspberry Pi in un Home Media Center


2018-10-17    Sandro

Hai bisogno di una soluzione per i media center e hai sentito parlare di Kodi. È adatto e puoi installarlo sul tuo Raspberry Pi? E una volta che l’hai fatto, come lo trasformi in un centro multimediale domestico che batte il mondo? Ti mostreremo come. Non avrai bisogno di molto per iniziare con il tuo […]

Quali VPN funzionano ancora con Netflix?


2018-10-17    Sandro

A gennaio 2016, Netflix ha annunciato un giro di vite sulle VPN o reti private virtuali. Ciò significava che l’utilizzo di una VPN per accedere al catalogo Netflix offerto in un altro paese era improvvisamente contrario ai termini di servizio della società. E mentre molti pensavano che il giro di vite sulle VPN alla fine […]