Vi ricordate quando l’Unità aveva definito Filippo Nogarin “un dilettante”, considerando la sua decisione di portare in tribunale i libri contabili dell’azienda pubblica di raccolta dei rifiuti, una scelta “testarda, contestata dalle opposizioni e dai lavoratori con ogni mezzo a disposizione”, per sottolineare che l’aveva presa per puntiglio, per mera vanità personale, fornendo così prova di incompetenza nella gestione della cosa pubblica?
Parole riportate anche qui dentro tipo incompetente, incapace di governare, sparare sulla croce rossa..Ebbene, aveva ragione Nogarin. Il tribunale di Livorno ha accolto la richiesta di concordato preventivo di Aamps, presentata dal sindaco Cinquestelle mediante i vertici aziendali lo scorso 25 febbraio ma non ho letto nemmeno una parola sui giornali..
I giudici della sezione fallimentare, con una sentenza di quattro pagine, hanno nominato un commissario giudiziale, il commercialista Fabio Serini, che avrà il compito di “vigilare sul corretto adempimento degli obblighi informativi”. Hanno stabilito, inoltre, che “con cadenza mensile Aamps dovrà depositare al commissario e in Tribunale la situazione finanziaria dell’impresa”, nonché una relazione rispetto alla sua gestione e sull’attività compiuta “ai fini della predisposizione della proposta e del piano”.

Una sentenza che convalida l’intero operato della giunta cinquestelle, dunque, e che definisce le responsabilità del Comune rispetto all’intera vicenda. Secondo il tribunale di Livorno “non solo non sussiste alcun obbligo da parte dell’Ente pubblico di finanziare la società partecipata in perdita, ma anzi l’intervento pubblico teso a ricapitalizzare la società in caso di perdite non è ammesso se non in casi eccezionali, dovendo le società pubbliche essere gestite sulla base di principi di economicità, efficienza e legalità finanziaria".

Immagino sappiate già cosa succederebbe a Roma


Discussione iniziada da Esotico63nella categoria Attualità nella data di 11-03-2016 01:24.