A Bologna bruciate le corone di alloro deposte in memoria dei martiri delle foibe, mentre la lapide commemorativa è stata imbrattata con la vernice

Da Bologna arriva un nuovo volgare sfregio alle vittime delle foibe. Tecnicamente è un atto vandalico quello messo a segno nella notte contro il monumento commemorativo delle vittime delle foibe, in via Beroaldo a Bologna.

Bruciate le corone di alloro deposte in memoria dei martiri, mentre la lapide è stata imbrattata con della vernice. Sul grave episodio indaga la polizia, che sta acquisendo le immagini delle telecamere della zona. Il fatto è già stato segnalato dalla Questura alla Procura.

Il procuratore aggiunto di Bologna, Valter Giovannini, parla di "plurimi e preoccupanti gesti di intolleranza che vanno stroncati sul nascere individuando e punendo gli autori".

Giovannini, coordinatore del gruppo "ordine pubblico" della procura, si è riferito chiaramente, pur senza citarli, ai due recenti blitz di contestazione contro il professor Angelo Panebianco ad opera di alcuni attivisti dei Collettivi.

Ma torniamo all'oltraggio alle vittime delle foibe. Come riferisce il Corriere della sera poco dopo le 2 del mattino un residente ha notato le fiamme e un gruppetto di persone (4 o 5) e ha chiamato la polizia. L’uomo non è riuscito a descrivere le persone. La lapide commemorativa è stata imbrattata usando vernice bianca e rossa. Vergata una scritta ("e poi mi lasci cadere"), un rimando alla canzone di Giorgia che fa da sottofondo al video dell’azione diffuso dagli antagonisti, vicini al collettivo Hobo. Il gruppo "Antifa Bolognesi" ha rivendicato l’azione.

ilgiornale.it


Discussione iniziada da imerossecnella categoria Attualità nella data di 25-02-2016 14:40.