20/11/2015 17:38 - ANDREA MAGGI
IPPICA: IL SENATO CONFERMA I TAGLI (CIRCA 20 MILIONI)

Dovrebbe assestarsi a 20 milioni il taglio alle risorse dell'ippica italiana. La notizia importante è che il tempo per la privatizzazione (ammesso che mai ci sarà) aumenta di un anno. Le risorse, infatti, sono state prolungate fino al 2018.

Il taglio dovrebbe essere di circa 20 milioni suddiviso equamente tra ippodromi e montepremi. Dieci milioni a testa.

Si preannuncia quindi uno stanziamento agli ippodromi di 47 milioni e di circa poco meno di 90 milioni per il montepremi.

Vacche magre, ma almeno garantite per i prossimi 3 anni.

L'idea Lega Ippica (più in generale privatizzazione) sembra allontanarsi, mentre sembra avvicinarsi la chiusura di alcuni ippodromi che, con un taglio di 10 milioni (circa 20%) avranno sicuramente enormi difficoltà.

Entro la fine dell'anno va obbligatoriamente firmata la nuova convenzione tra società di corse e ministero. Ancora in alto mare. Chi non firma non correrà nel 2016. Questa sembra la linea che verrà seguita.

Ora inizieranno polemiche e proteste, con gli ippodromi che chiederanno agli ippici di protestare e manifestare contro i tagli.

Ancora una volta ci troviamo di fronte ad un annoso problema.

L'ippica non produce. Non produce lavoro perchè la maggior parte dei lavoratori sono in nero.

Uno stato in difficoltà come quello italiano che non sa più dove andare a trovare i soldi per mantenere aperti gli ospedali e per la gestione dei servizi primari non può (e non deve) tirare fuori soldi per foraggiare un sistema che non produce in termini di lavoro e di tasse.

E' brutto da dire ma questa è la dura realtà dei fatti.

Cerchiamo di cogliere il lato positivo della notizia di oggi. Anche se ridimensionata avremo un po' più di aria e di tempo per fare le riforme necessarie.

Prima di tutto la riforma delle scommesse, poi quella della governance.

Lanciamo una polemica. Dato che gli ippodromi sono sovvenzionati dallo stato. Dato che l'ippica si regge sulle scommesse che gestisce lo stato.

Quale è l'utilità degli ippodromi nella governance? Gli ippici e lo Stato organizzano il miglior spettacolo sportivo possibile, affinché le scommesse possano aumentare.

Dove vengono svolte le corse? Negli ippodromi. Ippodromi che sono luoghi che vengono affittati (con la sovvenzione) dallo stato per poter mettere in scena lo spettacolo ippico.

Per caso i proprietari degli stadi di calcio siedono al tavolo della Lega Calcio? Per caso i proprietari dei cinema siedono al tavolo dei giudici che assegnano l'Oscar?

Non me ne vogliano i miei amici proprietari o gestori di ippodromi. Nulla contro di loro. Ma devono mettersi nell'ottica di rendere produttive le strutture anche al di fuori dalle sovvenzioni statali.

Come sono finiti i tempi delle vacche grasse per gli ippici, sono finiti anche per loro.

da Sport-Today


Discussione iniziada da king1987nella categoria @ChorseNews nella data di 20-11-2015 17:42.