Un altro autista di bus aggredito a Roma, si tratta della terza aggressione ai danni di conducenti di autobus di linea a Roma in cinque giorni. Ieri pomeriggio il conducente della linea 051 della Tevere Tpl, la società che serve la periferia, è stato aggredito da un passeggero attorno alle 19 a Ponte di Nona. L'utente si era avvicinato all'autista per chiedere di cambiare percorso e al rifiuto con un pugno ha mandato in frantumi il vetro della cella di sicurezza dove si trovano i conducenti delle linee più a rischio. Alcuni vetri hanno ferito al volto l'autista che ha fermato il bus. All'apertura delle porte l'aggressore e' scappato ma e' stato individuato dai carabinieri della stazione di Settecamini e bloccato intorno alle 22 mentre rientrava a casa. Si tratta di un romano di 22 anni arrestato per lesioni personali, danneggiamento e interruzione di pubblico servizio.


Ora si trova ai domiciliari. L'autista, romano di 38 anni, se l'è cavata solo con qualche ferita lieve. Il servizio e' stato interrotto per 30 minuti ed è ripreso con bus sostitutivo.
Lunedì i carabinieri avevano arrestato un romeno senza fissa dimora perchè in via del Plebiscito, in pieno centro di Roma, mentre era a bordo del bus 64, aveva preso a calci il parabrezza anteriore e aveva minacciato l'autista. Motivo di tanta violenza il rifiuto del conducente di fermarsi dove il romeno aveva chiesto, lontano dalla fermata. Nella notte tra sabato e domenica scorsi un altro autista è stato picchiato per avere chiesto ad un ragazzo di spostare la sua auto parcheggiata in doppia fila. Il conducente è stato preso a calci e pugni dal giovane, dai suoi genitori e dalla sua fidanzata. I quattro aggressori sono stati poi identificati e denunciati.


Discussione iniziada da navarra5nella categoria Attualità nella data di 30-09-2015 12:36.