Si avvicina il giorno delle elezioni e mentre appare molto incerta la competizione per il primato con Syriza (24-25%) di poco davanti a Nea Demokratia (22%), sembra inevitabile lo sbocco politico che ne deriverà, una nuova grande coalizione tra i partiti europeisti, simile a quella che ha consentito al governo di approvare le misure che hanno mantenuto la Grecia nel sistema ed hanno in qualche modo "stabilizzato" il paziente.

Ovviamente era quello che Tsipras si riprometteva di ottenere, anche se probabilmente contava su un margine di sicurezza maggiore.

Tutti gli altri partiti, i comunisti del KKE, Unità Popolare (fresca di scissione), i liberali dell'Unione, i liberal di Potami, i socialisti del Pasok ad oscillare intorno al 5%, con i nazisti di Alba Dorata tra 6 e 8%.


Discussione iniziada da gimexnella categoria Attualità nella data di 02-09-2015 17:27.