CORSE VIRTUALIIN AUSTRIA E' GIOCO D'AZZARDO ..

Certe sentenze sono probabilmente irreali in Italia, insomma gli ippici per esempio in questo caso se le sognano: secondo una sentenza di un tribunale Amministrativo in Austria le scommesse sugli sport virtuali dei cavalli e dei cani, sono gioco d’azzardo e come tali vanno tassate. Da noi prosperano arricchendo anche lo Stato, quasi a costo zero per i gestori di scommesse e con un pay out molto vantaggioso per chi gioca. Niente a che vedere con le più costose corse dei cavalli in carne ed ossa e con un pay out inferiore. Vi sembra normale?.
Il ricorso è stato presentato da un intermediario delle scommesse sulle corse virtuali definite con “figure di animali generati artificialmente”

da gaet


Discussione iniziada da king1987nella categoria Tondino nella data di 05-08-2015 09:56.