NB: Il decreto legge n. 83 del 27 giugno 2015 ha previsto un nuovo adempimento formale cui è tenuto il creditore nella redazione dell'atto di precetto. Ex art. 480, 2° comma, c.p.c., per come novellato dall'art. 13 del d.l. n. 83/2015, infatti, il precetto deve altresì contenere che il debitore può, con l'ausilio di un organismo di composizione della crisi o di un professionista nominato dal giudice, porre rimedio alla situazione di sovraindebitamento concludendo con i creditori un accordo di composizione della crisi o proponendo agli stessi un piano del consumatore".

:clap


Discussione iniziada da Liquigasnella categoria Trotto "Tricolore" nella data di 16-07-2015 16:31.