Giochi, esclusiva Agimeg: presentato in Senato da deputati PD un progetto di legge che ricalca l’ultima bozza del Decreto delegato

E’stato presentato oggi in Senato il progetto di legge presentato da un gruppo di deputati del PD, di cui il senatore Franco Mirabelli è il primo firmatario, sulla falsariga dell’ultima bozza del Decreto Delegato, contenente tutti i punti stilati nell’ultima bozza dal Sottosegratario all’economia Pierpaolo Baretta. Il sottosegretario nei giorni scorsi aveva lasciato una porta aperta alla riforma del settore e, secondo quanto anticipato da Agimeg, una delle vie percorribili per non perdere tutto il lavoro fatto con la stesura del decreto attuativo alla Delega Fiscale, era proprio un nuovo disegno di legge. Questo il link al progetto di legge PD Riordino_giochi .es/AGIMEG

AGIMEG - Giochi, esclusiva Agimeg: presentato in Senato da deputati PD un progetto di legge che ricalca l’ultima bozza del Decreto delegato



LEGA IPPICA

Art. 101
(Modalità di costituzione della Lega ippica italiana)

1. Le modalità di costituzione della Lega ippica italiana-Lippit, di seguito denominata anche “Lega”, associazione con personalità giuridica di diritto privato senza fini di lucro, con sede in Roma, sottoposta alla vigilanza del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali e, limitatamente agli aspetti di interesse economico-finanziario, del Ministero dell’economia e delle finanze, sono regolate dal presente decreto e, per quanto non espressamente previsto, dagli articoli 14 e seguenti del codice civile.
2. Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, gli allevatori e i proprietari di trotto e di galoppo, nonché le società di gestione degli ippodromi che possiedono i requisiti di onorabilità previsti dall’articolo 38 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e nei cui confronti non sussistono cause di divieto, decadenza o sospensione di cui all’articolo 67 del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, e che si identificano nell’obiettivo della promozione e del rilancio dell’attività ippica nazionale in tutte le sue componenti, basata sulla sua riqualificazione etica e sportiva, nell’esercizio della loro autonomia privata, sottoscrivono l’atto costitutivo della Lega e ne adottano lo statuto.
3. I sottoscrittori dell’atto costitutivo della Lega devono rappresentare almeno il trenta per cento degli allevatori di cavalli di trotto e galoppo, il trenta per cento dei proprietari di cavalli di trotto e galoppo, la maggioranza delle società operative di gestione degli ippodromi, secondo la consistenza numerica risultante al Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, nonché possedere i seguenti ulteriori requisiti:
a) per gli allevatori di cavalli di trotto e galoppo, iscrizione da almeno tre anni all’Albo degli allevatori per il trotto o comunque svolgimento dell’attività di allevatore da almeno tre anni per il galoppo, nonché registrazione di prodotti che abbiano conseguito vincite per almeno duecentomila di euro negli ultimi tre anni, inclusi i premi vinti all’estero ed il premio aggiunto;
b) per i proprietari di cavalli di trotto e galoppo, titolarità di colori da almeno tre anni e conseguimento con i propri colori di vincite per almeno duecentomila euro negli ultimi tre anni, inclusi i premi vinti all’estero ed il premio aggiunto;
c) per le società di gestione degli ippodromi, capitale sociale interamente versato alla data della costituzione della Lega di almeno un milione di euro.
4. Entro trenta giorni dalla sottoscrizione dell’atto costitutivo e dall’adozione dello statuto ai sensi del comma 2, il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, adotta il decreto di riconoscimento della personalità giuridica di diritto privato della Lega.
5. Decorso inutilmente il termine di cui al comma 2 ovvero in caso di mancato riconoscimento della personalità giuridica ai sensi del comma 4 per riconosciuta insussistenza dei requisiti di cui al comma 3, con regolamento del Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, è emanato entro sessanta giorni lo statuto della Lega ed è stabilita la composizione dei suoi organi associativi, nonché è disciplinato l’ordinato trasferimento dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali alla Lega dei compiti e delle funzioni che le spettano per effetto della sua costituzione. La pubblicazione del regolamento tiene luogo dell’atto costitutivo della Lega e comporta il riconoscimento della sua personalità giuridica di diritto privato.
6. Alla Lega si iscrivono, dopo la sua costituzione, tutti gli allevatori e i proprietari di cavalli di trotto e di galoppo, nonché le società di gestione degli ippodromi che soddisfano i requisiti minimi di solidità patrimoniale e di onorabilità previsti dallo statuto nell’ambito della più ampia rappresentanza degli interessi.

Art. 102
(Principi fondamentali dello statuto della Lega)

1. Lo statuto della Lega stabilisce le percentuali dei voti esprimibili in assemblea da parte delle diverse categorie di suoi associati, secondo criteri di equa e ragionevole rappresentanza delle diverse categorie di soci.
2. Lo statuto prevede altresì i seguenti organi associativi e la relativa composizione:
a) l’assemblea degli associati, composta in modo da assicurare una rappresentanza proporzionata alla consistenza numerica delle categorie di associati costituite da allevatori e proprietari di cavalli di trotto e galoppo, nonché alla consistenza patrimoniale e degli investimenti della categoria di associati costituita dalle società di gestione degli ippodromi;
b) il consiglio direttivo, nominato dall’assemblea degli associati con il voto favorevole della maggioranza dei soci appartenenti alle diverse categorie di associati, composto dal presidente e da un rappresentante dei proprietari di cavalli di trotto, un rappresentante dei proprietari di cavalli di galoppo, un rappresentante degli allevatori di cavalli di trotto, un rappresentante di allevatori di cavalli di galoppo, quattro rappresentanti delle società di gestione degli ippodromi;
c) il presidente, eletto a maggioranza assoluta dall’assemblea degli associati tra persone di elevata esperienza manageriale e notoria indipendenza;
d) il collegio dei revisori dei conti, nominato dall’assemblea degli associati, composto da cinque membri effettivi e due supplenti, tutti iscritti nel registro dei revisori legali, dei quali tre, di cui uno destinato alla funzione di presidente, designati dall’assemblea degli associati, uno dal Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali e uno dal Ministro dell’economia e delle finanze.
3. Il presidente e il consiglio direttivo della Lega durano in carica quattro anni e sono immediatamente rieleggibili per una sola volta.
4. Lo statuto prevede la costituzione a fini consultivi di organismi tecnici, rispettivamente per il trotto e per il galoppo, ciascuno composto da membri, designati dalle associazioni più rappresentative delle categorie degli allevatori, dei proprietari, degli allenatori, dei fantini o guidatori, dei gentlemen, delle società di corse.
5. Ad eccezione del presidente, cui può essere riconosciuto un emolumento per l’attività svolta, i componenti del consiglio direttivo e delle commissioni tecniche hanno diritto esclusivamente alla corresponsione di un rimborso per le spese sostenute nell’espletamento dell’incarico specificamente documentate, entro un tetto fissato con delibera del consiglio direttivo.
6. Entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione del decreto di riconoscimento della personalità giuridica di diritto privato della Lega ovvero del regolamento di cui all’articolo 103, comma 5, la Lega costituisce gli organi previsti dallo statuto, istituisce la struttura organizzativa e stipula i contratti necessari per il funzionamento del settore ippico a decorrere dal primo giorno del terzo mese successivo alla predetta data.
7. Lo statuto disciplina il numero minimo di convocazioni dell’assemblea ordinaria dei soci, prevedendo quelle per deliberare sul bilancio rispettivamente preventivo e consuntivo, nonché ogni quattro anni per la nomina delle cariche sociali. Lo statuto stabilisce altresì le condizioni per la convocazione delle assemblee su richiesta degli associati, del consiglio direttivo o del collegio dei revisori dei conti.

Art. 103
(Compiti della Lega)

1. Dalla data di decorrenza di cui all’articolo 102, comma 6, la Lega provvede, con le modalità previste dallo statuto:
a) alla definizione e all’aggiornamento del calendario degli avvenimenti ippici e della connessa programmazione televisiva, mediante delibera di programmazione trasmessa, per l’approvazione, senza indugio, la prima volta e, successivamente, entro il 30 ottobre dell’anno precedente, ai Ministeri delle politiche agricole, alimentari e forestali e dell’economia e delle finanze i quali possono far pervenire osservazioni nei trenta giorni successivi, decorsi i quali la delibera entra comunque in vigore.
b) alla programmazione tecnico-sportiva di interesse internazionale, alla tenuta dei rapporti con gli enti ed organismi esteri ed internazionali e all’armonizzazione di procedure e regolamenti con le previsioni contenute negli accordi sottoscritti in sede internazionale;
c) alla tenuta e gestione delle banche dati relative ai cavalli in attività, ai loro libri genealogici, alle gare e alle iscrizioni alle corse;
d) alle intese con i concessionari delle reti di raccolta delle scommesse sulle corse dei cavalli e dei giochi di cui all’articolo 7, comma 1, lettere c), d) e, limitatamente a quelli ippici, h), anche ai fini della definizione dei relativi palinsesti, fermo il diritto esclusivo della Lega a definire gli avvenimenti ippici, inclusi, su base di reciprocità, quelli esteri e internazionali, da inserire nei palinsesti ;
e) alla pianificazione e alla gestione del fondo annuale di dotazione per lo sviluppo e la promozione del settore ippico di cui all’articolo 107;
f) alla ripartizione del fondo annuale di dotazione, tra spese di funzionamento della Lega, spese funzionali allo svolgimento dell’attività ippica, spese per la promozione del prodotto ippico, premi alle corse e remunerazione per il funzionamento degli ippodromi gestiti dalle società associate alla Lega, sulla base di convenzioni pluriennali stipulate con le relative società di gestione, nonché alla gestione del fondo di cui all’articolo 107;
g) alla erogazione agli aventi diritto dei premi delle corse, in misura non inferiore al cinquanta per cento delle entrate totali;
h) al coordinamento e alla esecuzione delle attività di marketing e di promozione del prodotto ippico;
i) alla esecuzione di ogni servizio amministrativo e tecnico funzionale allo svolgimento delle corse, compresa la gestione del segnale televisivo, esclusi quelli di competenza delle società di gestione degli ippodromi;
l) al rilascio, al controllo periodico e all’eventuale revisione delle licenze degli operatori e dei titoli abilitativi per l’esercizio degli ippodromi;
m) al buon funzionamento della giustizia sportiva di primo livello e ai controlli sulla regolarità delle corse;
n) al buon funzionamento delle procedure per l’iscrizione ai libri genealogici dei cavalli;
o) alla gestione dei rapporti, su base convenzionale, con i concessionari per la raccolta del gioco, anche al fine di rendere più sicura e trasparente la raccolta delle scommesse in luoghi chiaramente delimitati, in conformità alla normativa vigente in materia di prevenzione e contrasto del gioco patologico, nonché di tutela delle fasce sociali più deboli, a partire dai soggetti minori di età;
p) alle intese con l’Agenzia per la gestione dei rapporti con gli enti e gli organismi ippici esteri e internazionali, anche ai fini dell’acquisto dei diritti sulle corse estere e del loro inserimento nel calendario degli eventi ippici e del connesso palinsesto televisivo, oltre che nei palinsesti di cui alla lettera d), per la raccolta del gioco, della programmazione tecnico-sportiva di interesse internazionale, dell’armonizzazione di procedure e regolamenti.


continua.


Discussione iniziada da king1987nella categoria Tondino nella data di 08-07-2015 19:03.